Warning: pg_query(): Query failed: ERROR: missing chunk number 0 for toast value 29512337 in pg_toast_2619 in /dati/webiit-old/includes/database.pgsql.inc on line 138 Warning: ERROR: missing chunk number 0 for toast value 29512337 in pg_toast_2619 query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_page WHERE cid = 'https://www-old.iit.cnr.it/node/41181' in /dati/webiit-old/includes/database.pgsql.inc on line 159 Warning: pg_query(): Query failed: ERROR: missing chunk number 0 for toast value 29512337 in pg_toast_2619 in /dati/webiit-old/includes/database.pgsql.inc on line 138 Warning: ERROR: missing chunk number 0 for toast value 29512337 in pg_toast_2619 query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_page WHERE cid = 'https://www-old.iit.cnr.it/node/41181' in /dati/webiit-old/includes/database.pgsql.inc on line 159 Il gioco del Go | IIT - CNR - Istituto di Informatica e Telematica
IIT Home Page CNR Home Page

Il gioco del Go

11/04/2016
A cura di:

Stefano Groppioni

Foto di Stefano Groppioni

Soggetti esterni: Francesco Potortì (Isti-Cnr), Fabrizio Falchi (Isti-Cnr), Maurizio Parton (Presidente Figg e ricercatore Università Chieti Pescara)

Il gioco del Go è uno dei giochi astratti più antichi del mondo, e da decenni l’intelligenza artificiale si cimenta nel tentativo di giocare alla pari con l’essere umano.
Nel gennaio del 2016 il software AlphaGo di Google ha battuto per la prima volta il pluricampione europeo di Go. In previsione della sfida, che si sarebbe svolta a marzo con il leggendario campione mondiale, il coreano Lee Sedol, il Comitato di “Areaperta” ha messo in calendario per il 2 marzo, nell’auditorium dell’Area della ricerca di Pisa, un evento dedicato proprio a questo gioco.
Durante il seminario sono state fornite le basi del Go: Fabrizio Falchi e Francesco Potortì, dell’Istituto di scienza e tecnologie dell’informazione “Alessandro Faedo” del Cnr pisano, insieme a Maurizio Parton – dell’Università di Chieti-Pescara, Presidente Figg (federazione italiana gioco del Go), responsabile Go club Pisa – hanno illustrato perché è così difficile per una macchina cimentarsi nel gioco. Nell’incontro, sono stati ripercorsi i passi fondamentali che hanno portato l’intelligenza artificiale a questo eccezionale risultato.