Warning: pg_query(): Query failed: ERROR: missing chunk number 0 for toast value 29512337 in pg_toast_2619 in /dati/webiit-old/includes/database.pgsql.inc on line 138 Warning: ERROR: missing chunk number 0 for toast value 29512337 in pg_toast_2619 query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_page WHERE cid = 'https://www-old.iit.cnr.it/node/45642' in /dati/webiit-old/includes/database.pgsql.inc on line 159 Warning: pg_query(): Query failed: ERROR: missing chunk number 0 for toast value 29512337 in pg_toast_2619 in /dati/webiit-old/includes/database.pgsql.inc on line 138 Warning: ERROR: missing chunk number 0 for toast value 29512337 in pg_toast_2619 query: SELECT data, created, headers, expire, serialized FROM cache_page WHERE cid = 'https://www-old.iit.cnr.it/node/45642' in /dati/webiit-old/includes/database.pgsql.inc on line 159 Terremotocentroitalia.info: un aiuto online per le popolazioni colpite dal terremoto | IIT - CNR - Istituto di Informatica e Telematica
IIT Home Page CNR Home Page

Terremotocentroitalia.info: un aiuto online per le popolazioni colpite dal terremoto

10/01/2017
A cura di:

Mario Marinai

Foto di Mario Marinai

Francesco Gennai

Foto di Francesco Gennai

Stefano Groppioni

Foto di Stefano Groppioni

Soggetti esterni: Marieva Favoino

“Terremotocentroitalia.info – Il civic hacking come cultura per gestire le informazioni durante la crisi”. Questo evento è nato dal progetto non profit Terremotocentroitalia.info, organizzato interamente da volontari nato subito dopo il terremoto che ha interessato il Centro Italia, per condividere e aggregare informazioni utili provenienti da fonti di varia natura (ufficiali e non) sugli eventi sismici che hanno colipto i comuni di Amatrice, Cumuli e Arquata il 24 agosto 2016. Grazie a Terremotocentroitalia.info si sono potute coordinare in maniera più efficiente le offerte di aiuto per le popolazioni colpite dal sisma. Con Marieva Favoino, comunicatrice pubblica e volontaria che ha gestito la comunicazione del sito, parliamo di come non disperdere questa esperienza di hacking civico e proiettarla anche in contesti comunitari, civici e sociali non emergenziali.